Iris Apfel, ultranovantenne dalle mille risorse

da Lorena De Tommaso
Visite: 2551
Iris Apfel

In Italia l’abbiamo conosciuta come testimonial di una nota casa automobilistica. Qualcuno avrà guardato lo spot e forse avrà sorriso nel vedere alla guida una simpatica signora attempata.

Si tratta di Iris Apfel, classe 1921, artista, stilista, interior designer americana. Una vera e propria icona di stile, una starlet “geriatrica”, come simpaticamente si definisce qualche volta. Ma al di là del suo curriculum di tutto rispetto, è il suo modo di stare al mondo a catturare e ad ispirare. Spiritosa, ottimista e motivante, Iris è un fiume in piena, in barba all’anagrafe.

Nel 2014 il regista Albert Maysles ci ha regalato un fantastico documentario. Un viaggio di ottanta minuti che ci accompagna a conoscerla in prima persona. Iris ci svela una visione del tutto originale della vita. Il documentario si intitola semplicemente “Iris”, ed è disponibile sulla piattaforma Netflix.

Cresciuta ai tempi della depressione americana, ricorda i consigli della madre: “compra un bel vestitino nero e semplice, e avrai sempre qualcosa da metterti”. Iris ha imparato presto l’arte dell’accessorio, dell’abbellimento, della personalizzazione.
Negli anni 40 probabilmente è stata la prima donna ad indossare i jeans.

Ricorda che, ai tempi in cui lavorava come commessa per il negozio Loehmann’s a Brooklyn (il primo negozio di ciò che poi è divenuta una famosa catena di grandi magazzini americani) un giorno la signora Loehmann in persona, dopo averla osservata a lungo, la chiamò e le disse:
“Signorina, ti ho osservata. Non sei bella, e non lo sarai mai; ma non ha importanza. Hai qualcosa di molto più importante. Tu hai stile.” 

Iris Apfel 10

Iris è un’artista, ciò che fa con i suoi vestiti, scegliendoli, scucendoli, reinventandoli, indossandoli spesso in abbinamento con una quantità inusuale di accessori, è creatività.

La sua originalità è rivelata dal mescolare capi ed oggetti di alta moda, con altri di buon mercato recuperati anche nei mercatini delle pulci. Con brio e discernimento combina colori, tessuti, fantasie e modelli senza riguardo al periodo, alla provenienza ed alle convenzioni estetiche: “se si aspetta abbastanza, tutto torna di moda” dice, come darle torto.

Negli anni 50 col marito Carl ha fondato la “Old World Weavers”, un’azienda di manufatti tessili ispirati in buona parte a tessuti antichi e pregiati. Come autorità nel campo dei tessuti e collezionista affermata, è stata consultata per progetti molto importanti, persino per la casa bianca.

Non avere dei figli è stata una scelta: “volevo farmi una carriera, volevamo viaggiare, mia madre ha ripreso a lavorare quando avevo 10 anni, ne risentii molto, era una sciocchezza ma l’ho vissuta proprio male, non volevo far crescere i miei figli da una tata. Non si può avere tutto, è impossibile.”

iris e carlNel vedere Iris e il marito Carl insieme, sfugge un sorriso di tenerezza e ammirazione. Dopo 66 anni di matrimonio si tengono ancora per mano e si apostrofano con nomignoli affettuosi, “micetto” “monello” “bellissima bambina”. Riferendosi alla vita accanto ad Iris, Carl dice: “E’ stato un viaggio bellissimo”.

Parlando della sua età Iris dice:
“Mi piace essere nel mondo e parte del mondo, e tutti devono farlo a modo loro. Quando si è anziani molte persone si arrendono, ma a meno che non sia qualcosa di veramente grave, bisogna sforzarsi, bisogna uscire e fare delle cose, così ci si dimentica di se stessi, altrimenti puoi restare lì seduto a rimuginare tutto il giorno.”
Detto da una donna di 95 anni il significato di queste parole non può lasciare indifferenti.

Essere sé stessi, uscire dall’omologazione per esprimersi pienamente, anche attraverso il proprio abbigliamento, vivere la vita con ironia e curiosità ad ogni età, e infrangere qualche regola di tanto in tanto, questo è il messaggio di Iris Apfel.

Che cosa ne pensate dell’esempio di Iris? Avete trovato un’occupazione, un passatempo, una passione che vi entusiasmi e vi regali qualche emozione?

Pin It
Aggiungi commento

Commenti

  • Nessun commento trovato